Skip to main content
Tag

consigli

Un ferragosto perfetto per il tuo gatto. Scopri 5 consigli utili.

gatto caldo ferragosto

5 consigli per prepararci per Ferragosto

Ferragosto si avvicina e abbiamo cercato di raccogliere qualche consiglio per aiutare il tuo gatto a sopportare meglio il caldo estivo.

Telegiornali, riviste e articoli online ci martellano sulle famose regole da rispettare in estate e soprattutto su cosa mangiare. Cibi freschi, leggeri ma nutrienti. Tanto frutta e verdura etc etc. Ma le regole dell’estate per i nostri gatti? Esistono? Diciamo di sì, ecco le principali che potresti seguire per aiutare il tuo micio.

1 ○ Preferire l’umido 💦

In questo particolare periodo dell’anno è bene preferire le scatolette ai croccantini. Se è pur vero che le scatolette una volta aperte tendono a prendere cattivi odori e a non piacere più, è comunque meglio adottare questa tipologia di dieta in quanto garantisce un miglior apporto di liquidi alla dieta del gatto. Forse un po’ più di cibo andrò sprecato, ma si possono adottare alcune strategie. Ad esempio quando aprite la scatoletta ricopritela con una pellicola trasparente e conservatela in frigo. Ricordatevi poi di toglierla dal frigo qualche minuto prima della seconda razione.

2 ○ Il gatto mangia meno? Niente panico ⚠️

Nei mesi estivi potreste notare che il vostro gatto mangia un po’ meno del solito. Non c’è da preoccuparsi, è l’effetto del caldo. Provate a proporgli il cibo durante i momenti più freschi della giornata, magari la sera, quando le temperature sono un po’ più miti.

3 ○ Spazzola di più il tuo gatto 🪮

in estate i gatti tendono a leccarsi di più e inghiottiscono molto pelo. Per questo possono avere problemi di vomito. Cerca in questo periodo di spazzolare il tuo gatto il più possibile per rimuovere il pelo superficiale.

4 ○ Frutta e verdura per i gatti? 🍎

Per noi umani mangiare frutta e verdura nei mesi più caldi è praticamente una regola base, ma non dobbiamo pensare che debba essere così anche per i nostri gatti! Diciamo che l’alimentazione del gatto non deve essere troppo variata e tenete sempre a mente che il cibo che compriamo è il migliore perché già correttamente bilanciato per tutti i loro fabbisogni.

5 ○ I gatti possono mangiare il gelato? 🍦

I gatti ne andrebbero pazzi. Buono, rinfrescante, goloso. In realtà il gelato non è un cibo per i nostri felini preferiti e non gli andrebbe dato in quanto i gatti sono intolleranti al lattosio. Potreste però provare a proporgli quello di soia.

E questo è tutto. Vuoi conoscere altri consigli per aiutare il tuo gatto a vivere al meglio le alte temperature estive? Leggi anche il nostro articolo con altre tecniche da adottare nei mesi più caldi.

A presto Gattary e buon ferragosto dal team di MYAO

La Nostra Soluzione? Fontanella ECO 😻

La Fontanella ECO è una fontanella d’acqua per gatti senza correntesenza rumore. Non necessita di corrente e fili, puoi quindi posizionarla strategicamente nei luoghi più freschi della casa, o spostarla comodamente durante il giorno!

Giocare con il gatto. Ecco come farlo

Giocare con il gatto: le diverse tipologie di gioco

Partiamo da una premessa : il gioco è un’attività fondamentale per i gatti, a tutte le età.

Ma non tutti i giochi sono uguali. Presentano caratteristiche diverse e hanno effetti diversi sui gatti. Saper giocare con i gatti è importante! Vediamo di capire insieme le diverse tipologie di gioco, in modo da riconoscerli, stimolarli e a padroneggiarli al meglio

🐈 Il gioco sociale

E’ il gioco tipico dell’età giovanile quando i gatti sono ancora cuccioli. E’ il gioco che i gattini fanno con i propri simili e con la madre per imparare l’arte predatoria e le tecniche di difesa e attacco.

Tra gatti adulti è molto più raro e quando accade è molto difficoltoso comprendere dove inizia il gioco e dove la lite vera e propria (i famosi combattimenti tra gatti).

🧶 Il gioco predatorio

E’ il gioco che mima tutte le attività di predazione che il gatto farebbe in natura se dovesse procurarsi il cibo in modo autonomo.

Il gatto è naturalmente attratto da tutto ciò che si muove e che può rincorrere ed afferrare. Per stimolare questo tipo di gioco dunque è possibile utilizzare le cannette da pesca,  giochini con finte prede e palline.

E’ bene tenere presente che questo è un tipo di gioco eccitatorio: serve dunque a stimolare il gatto e a renderlo più attivo.

😼 Il gioco cognitivo 

Sono quei giochi che permettono al gatto di sviluppare la sua attivazione mentale e pensare ai dei piccoli problemi da risolvere.

Il gatto infatti per natura è un enigmista: ama e passa molto del suo tempo a trovare soluzioni a problemi quotidiani. Ce ne sono tantissimi in commercio e molti sfruttano, come premio finale, dei bocconcini di cibo. Ma è possibile anche costruirli in casa, sfruttando ad esempio una scatola chiusa con dei fori in superficie. Se ci nascondiamo del cibo all’interno il gatto si ingegnerà su come prenderlo.

Questa tipologia di gioco favorisce nel gatto uno stato di calma e appagamento.

😸 Il gioco esplorativo

E’ fondamentale per il gatto per favorire nuovo esperienze: e non si parla di esplorazione solo visiva ma anche tattile e olfattiva.

In pratica il gioco esplorativo si esplica permettendo al gatto di essere presente in tutte le attività che compiamo dentro casa (cucinare, mangiare, rifare il letto, stirare). Vivere il gatto significa anche questo: farlo partecipe il più possibile della nostra vita.

Possiamo anche favorire il gioco esplorativo portando delle piccole novità in casa (non così grosse da sconvolgere l’ambiente ma tali da creare interesse).

Facciamo esplorare olfattivamente e visivamente le buste della spesa quando rientriamo a casa, quando ci arriva un pacco lasciamo la scatole di cartone a disposizione del gatto, prendiamo dei ciuffi di erbe aromatiche che raccogliamo fuori e facciamogliele annusare quando rientriamo…questi ovviamente sono solo alcuni esempi, ma le occasioni possono essere tantissime e sta a noi coglierle e crearne di nuove.

Fa parte dell’esplorazione visiva anche dare la possibilità al gatto di guardare fuori attraverso le finestre, attraverso ripiani, amache per gatti o tiragraffi a più piani posizionati  in modo che il micio possa vedere all’esterno.

😾 Il gioco performativo

L’ho lasciato per ultimo e come capirete non lo amo molto. In pratica consiste nell’insegnare al gatto a fare delle azioni (come ad esempio l’agility per il cane, che però è un animale molto diverso). Attenzione però! Non tutti i gatti amano e sono predisposti a questo tipo di gioco e la finalità deve sempre essere il divertimento condiviso e non la performance stessa nè la ridicolizzazione del gatto.

Ripeto spessissimo che il gioco è un’attività fondamentale per il benessere del gatto a tutte le età.

🙀 “Il mio gatto non gioca”. L’hai pensato anche tu?

Molto spesso mi viene detto: “io ci provo, ma il mio gatto non gioca”.

Mmhh. Sicuro che sia cosi?

In realtà OGNI GATTO GIOCA, dobbiamo solo scoprire “come”. A questo proposito, facciamo delle riflessioni insieme.

  • La convinzione che al nostro gatto non interessi giocare deriva molto spesso dal fatto che abbiamo provato a fare un’attività ludica (lancio della pallina, canna da pesca) e lui non ha mostrato interesse. Ci siamo dunque convinti che a lui non interessi il gioco nella sua totalità. In realtà il nostro gatto ci ha fatto semplicemente capire che non gli piace UNA tipologia di gioco (nello specifico quella che gli abbiamo mostrato). Ma abbiamo provato a sperimentare con lui altri giochi? o ancora: abbiamo provato a giocare in maniera diversa?
  • La prima cosa da fare, sempre, infatti è mettersi ad osservare il proprio gatto per capire cosa gli piace. Non tutti i gatti giocano allo stesso modo e non a tutti i gatti piacciono gli stessi giochi! Ci saranno gatti che amano i giochi più fisici e performativi (correre, saltare) altri invece che si divertiranno ad osservare per ore una falena che si muove. Al vostro arco dovete avere più frecce, ed usarle tutte. Proponetegli varie forme di gioco e guardate quale lo stimola maggiormente.
  • Attenzione anche ai falsi miti e ai pre-concetti sul gioco. Molte persone affermano che il loro gatto non giochi semplicemente perché non lo vedono correre come un pazzo per tutta la casa. Ma il gioco per il gatto non è solo performance. Ricordatevi che il gatto gioca anche quando resta immobile ad osservare una finta preda che si muove sotto il tappeto…
  • Infine ricordiamoci sempre che il gioco è un’attività dedicata. Che significa? Che occorre essere presenti nell’attività che stiamo facendo insieme al nostro gatto. Dobbiamo esserne coinvolti e divertirci noi stessi. Niente giochi distratti mentre stiamo parlando al telefono. Niente giochi fatti solo “per dovere”…

Speriamo che questi consigli su come giocare con il vostro gatto siano utili! A presto gattari ❤️

La Nostra Soluzione? Scopri i nostri giochi 😻 E con il codice GIOCHI3 hai subito 3€ di Sconto.

Come avrai capito, ogni gatto è diverso. Sta a noi trovare la modalità di gioco che preferisce. Eccoti una selezione di prodotti in vendita su Myao.it che potrà aiutarti ❤️

  • In offerta!

    Lollipop | Gioco per gatti senza corrente

    29,00 
  • In offerta!

    Pettirosso Giocattolo

    24,00 

I gatti soffrono il caldo? Sì, 9 consigli

Gatto soffre caldo

Tutti i gatti soffrono il caldo e possono prendere un colpo di calore ma i veterinari raccomandano di porre particolare attenzione ai gatti anziani e a quelli in sovrappeso, in quanto queste due categorie tenderanno a soffrire maggiormente le alte temperature.

Ecco alcuni consigli utili su come aiutare il tuo gatto ad affrontare le temperature estive dei prossimi giorni ed evitare che il caldo eccessivo possa arrecargli malessere e spossatezza.

1 ○ Regola correttamente il condizionatore💧

Qui la regola base è non esagerare: non esporre mai il gatto a un getto diretto e impostare il condizionatore su una giusta potenza, facendo attenziona a non scendere mai sotto i 21 gradi: per mia esperienza se hai un gatto in casa, la funzione deumidificatore è la più efficace. In generale ricorda che i gatti soffrono tantissimo gli sbalzi di temperatura (ad esempio da una stanza ad un’altra o anche semplicemente da un luogo meno refrigerato ad un’altro).

2 ○ Posiziona correttamente i ventilatori 💨

La prima cosa da fare è osservare il tuo gatto per capire dove preferisce mettersi in casa. Posiziona quindi i ventilatori in modo che possano areare la stanza ma senza essere troppo vicini ai punti preferiti del tuo gatto. Anche in questo caso attenzione ai getti diretti, possono indurre patologie da raffreddamento e irritazioni agli occhi. Controlla sempre che gli apparecchi siano in sicurezza e che i gatti non possano ferirsi con le pale rotanti.

3 ○ Predisponi più fonti d’acqua in casa 💦

Per un gatto è importante avere accesso a diverse fonti di acqua in casa. Predisponi più ciotole dell’acqua in zone diverse della casa, per incoraggiarlo a bere e aiutarlo nella sua idratazione. Prova se vuoi ad aggiungere un cubetto di ghiaccio nella ciotola dell’acqua.

4 ○ Controlla che l’acqua sia sempre disponibile 👀

Assicurati che ci sia sempre acqua disponibile nelle ciotole o nella fontanella per il gatto e ricordati che in estate l’acqua evapora più velocemente con il calore. Per questo ti consigliamo fontanelle trasparenti, così da poter sempre controllare il livello di acqua presente all’interno.

5 ○ Non occupare i punti più freschi di casa 🐈

E’ importante che il gatto possa liberamente avere accesso ai punti più freschi della tua casa. Cerca di non occuparli e di non creare ostacoli al tuo felino.

6 ○ Lascialo ristorare sulle superfici più fredde 😻

Lascia che il gatto possa comodamente sdraiarsi su pavimenti piastrellati, vasche e piatti doccia in modo da trovare un po’ di ristoro e abbassare la sua temperatura corporea.

7 ○ Trova il momento giusto per giocare 🧶

Il gioco è un momento importante nella vita di un gatto ma, viste le alte temperature estive, ti consigliamo di prediligere le sessioni di gioco la mattina presto e la sera quando fa più fresco.

8 ○ Spazzolalo per rimuovere il pelo in eccesso 🐱

Se il tuo piccolo felino lo gradisce, spazzolarlo una volta al giorno può essere un gesto molto utile. Spazzolare quotidianamente il gatto, sia a pelo lungo sia a pelo corto, lo aiuta a rimuovere il pelo in eccesso che trattiene il calore corporeo. Infatti il pelo infeltrito intrappola il caldo e la temperatura “percepita” dal vostro gatto sarà ancora superiore a quella dell’atmosfera.

9 ○ Presta attenzione ai sintomi del colpo di calore 😿

Durante il periodo estivo cerca di osservare il comportamento del tuo gatto facendo molta attenzione ad eventuali sintomi del colpo di calore: al primo segnale contatta subito il tuo veterinario di fiducia. La tua velocità di azione può salvargli la vita.

Quali sono i sintomi del colpo di calore nel gatto?

  • Il gatto respira a bocca aperta, ansimando.
  • Salivazione eccessiva
  • Aumento della temperatura corporea (potete constatarlo toccandogli le orecchie o anche il manto).
  • Episodi di vomito
  • Tremore muscolare
  • Difficoltà a respirare
  • Apatia e immobilità

Cosa fare se ci si accorge che un gatto sta avendo un colpo di calore:

  • Spostare subito il gatto in una zona ombreggiata o ventilata.
  • Mettergli a disposizione una ciotola di acqua fresca (non fredda).
  • Bagnarlo con un panno umido avendo premura di rinfrescare le zone della testa, del collo, delle ascelle e dell’inguine (zone che tendono ad abbassare più velocemente la temperatura corporea). Il panno deve essere fresco ma non freddo altrimenti è possibile uno shock termico.
  • Contattare subito un veterinario.

Speriamo che questi consigli vi siano utili, buona estate Gattari 😻

La Nostra Soluzione? Fontanella ECO 😻 E con il codice ECO3 hai subito 3€ di Sconto.

La Fontanella ECO è una fontanella d’acqua per gatti senza correntesenza rumore. Non necessita di corrente e fili, puoi quindi posizionarla strategicamente nei luoghi più freschi della casa, o spostarla comodamente durante il giorno!